La macchina del tempo

Fuoco: la Val di Zoldo raccontata da Sebastiano Vassalli.

Cenere, fuoco, ferro. Una volta in Val di Zoldo il paesaggio doveva essere indubbiamente diverso. Al centro della scena, probabilmente troneggiavano i segni dell’attività principale, quella dei fabbri ferrai, dei forgnàcoi e dei ciodaròt. Figure isolate dal resto della popolazione perché considerate miscredenti, violente e rozze:


    i forgnàcoi, il popolo dell’abisso: gli uomini dalla pelle così bianca che se non fossero stati sempre neri di fuliggine sarebbero sembrati anime di defunti (…) che per strada camminavano dondolandosi sulle ginocchia e avevano braccia sproporzionate, troppo lunghe rispetto al resto del corpo… (S. Vassalli “Marco e Mattio”).


Le fucine in piena attività, potevano presentarsi come un mondo incandescente di frastuoni, fumi, lapilli bollenti, materia che prendeva forma. Chiodi, armi, ferri da gondola, modellati a colpi di martello sulle incudini.

Il regno di Efesto, divinità del fuoco, dove altrettante creature simili al dio, deformi e dalla forza sovrumana lavoravano senza sosta nel buio e nel fuoco, rimarcando più volte la fama della Val di Zoldo: Fusine, Forno, Fornesighe… Una terra di fiamme e braci che secondo Vassalli doveva assomigliare a un antro infernale:


    Erano luoghi di tenebra perpetua in cui s’accendevano luci improvvise, così intense che l’occhio non poteva sostenerne la vista, e di rumori assordanti, così cadenzati e continui da alterare l’udito e la ragione dei disgraziati che dovevano lavorarci per moltissime ore al giorno (S. Vassalli “Marco e Mattio”).

Un mondo a parte, dove i due elementi opposti, acqua e fuoco, si confondevano e intrecciavano nelle esistenze umane. L’acqua per alimentare il fuoco, per muovere i mantici e i magli delle fusine, correnti inarrestabili e ricche. Due forze naturali impetuose, domate dalla mano degli antichi zoldani.

Nella storia della Val di Zoldo il fuoco si è manifestato più e più volte, nei pojàt e nella pazienza di chi li custodiva, nell’afa soffocante delle fucine, negli animi infiammati di chi combatteva la fame battendo il ferro.

Ti consigliamo la lettura di “Marco e Mattio”, e in seguito quando possibile, una visita alla fusinela di Pralongo e al museo del Ferro e del chiodo di Forno.




Condividi

Val di Zoldo ti aspetta

Inverno

2. Con le caspe al Monte Rite

Difficoltà: Media - Verificare sempre le previsioni meteo e lo stato del manto nevoso (Arpav)
Tempo di precorrenza: 5-6 h A/R
Quota: 2183 m
Dislivello: 650 m

Sci alpinismo Vant de le Sasse

Difficoltà: BSA - Verificare sempre le previsioni meteo e lo stato del manto nevoso (Arpa meteo)
Tempo di precorrenza: 4-5 h
Quota: 2570 m
Dislivello: 950 m

11. Con le caspe al Rifugio Carestiato

Difficoltà: Facile - Verificare sempre le previsioni meteo e lo stato del manto nevoso (Arpa meteo)
Tempo di precorrenza: 2-3 h A/R
Quota: 1834 m
Dislivello: 270 m

Sci alpinismo Forca Rossa

Difficoltà: BSA - Verificare sempre le previsioni meteo e lo stato del manto nevoso (Arpa meteo)
Tempo di precorrenza: 4-5 h
Quota: 2700 m
Dislivello: 1000 m

Sci alpinismo Col de la Puina

Difficoltà: MSA - Verificare sempre le previsioni meteo e lo stato del manto nevoso (Arpa meteo)
Tempo di precorrenza: 3-4 h (salita e discesa/ ascent and descent)
Quota: 2253 m
Dislivello: 600 m