Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK

Piccolo Anello Zoldano

  • Difficoltà: Medio/facile
  • Lunghezza:
  • Tempo di precorrenza: 2 giorni/days
Quota:
Dislivello:
1800 m
Terreno:
Gruppo Dolomitico:
Partenza:
Forno (848 m)
Arrivo:
Forno (848 m)
Periodo consigliato:
Frequentazione:

Nato ufficialmente nel 2014 con il progetto "Villaggi degli alpinisti", il Piccolo anello zoldano è un itinerario che ha ripristinato gli antichi collegamenti tra le frazioni, creando un anello ideale tra i borghi della Val di Zoldo. La bassa quota e la semplicità del percorso lo rendono un trekking adatto anche ai camminatori meno allenati, interessati ad approfondire anche gli aspetti culturali e le curiosità storiche dei paesi.

 

Complessivamente 1800 metri e 6 tappe, singolarmente percorribili in al massimo 2 ore e mezza con un dislivello compreso tra i 120 e i 450 metri.

 

La partenza è a Forno, dove è consigliata la vista al museo del ferro e del chiodo, dedicato all'antico mestiere dei ciodarot. Si continua su facili sentieri nel bosco, superando Pralongo e raggiungendo Colcerver, un tipico borgo di montagna rimasto fermo del tempo, con i suoi tabià e abitazioni tipiche. La tappa successiva interessa Sottorogno e infine Dont, con il suo grazioso centro storico e la chiesa di Santa Caterina.

Prossime destinazioni, i villaggi di Foppa, Cercenà, paese semidisabitato raggiungibile solo a piedi, e Villa, si prosegue poi tra boschi secolari di faggi, per Astragal, dove si trova la casa natia dello scultore Valentino Panciera Besarel, Casal e Bragarezza.

Visita quindi a Fornesighe, il "borgo che mai bruciò", con i suoi rustici, uno dei meglio conservati, e a Pieve, presso la chiesa di San Floriano, conosciuta per il suo "Altare delle anime purganti", opera del Michelangelo del legno Andrea Brustolon.

Ultima digressione fino al Comune di Zoppé di Cadore, con le sue frazioni ai piedi del Monte Pelmo, il museo etnografico dedicato al poiat (carbonaia) e tanti spunti che ricordano i due grandi artisti originari di Zoppé: Masi Simonetti e Fiorenzo Tomea. 

Info
Consorzio Val di Zoldo turismo
32012 Val di Zoldo - BL
Tel. +39 0437 789145
Tel. +39 0437 787349
turismo@valdizoldo.net