Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK

Traversata del Monte Civetta

  • Difficoltà: Media
  • Lunghezza:
  • Tempo di precorrenza: 7 h (8 h senza navetta/seggiovia)
Quota:
Dislivello:
700 m (1000 m senza navetta/seggiovia)
Terreno:
Sentiero, strada sterrata, mulattiera
Gruppo Dolomitico:
Monte Civetta
Partenza:
Palafavera (1515 m)
Arrivo:
Capanna Trieste (1135 m) o Listolade
Periodo consigliato:
Estate
Frequentazione:
Alta

Una delle escursioni più belle ed entusiasmanti delle Dolomiti: la traversata classica del monte Civetta. Un viaggio tra panorami spettacolari, tra maestose pareti di roccia, ampi pascoli, spazi verdi e rifugi alpini. Nel complesso facile, richiede comunque buon allenamento per lo sviluppo del percorso (circa 7 ore di cammino).


La partenza è da Palafavera in Val di Zoldo (1515 m), da lì, si potrà salire fino a località Pioda o con la seggiovia (aperta nei mesi di luglio e agosto), oppure a piedi (1 h circa), lungo la comoda sterrata. Proseguire lungo la mulattiera (sentiero 556) che conduce al rifugio Sonnino al Coldai, tra i paesaggi del Monte Pelmo e del Civetta. Probabile l'avvistamento di marmotte. Arrivati al rifugio (1 h) si prosegue fino al magnifico lago Coldai, incastonato in una conca di roccia, e si segue il sentiero 560 verso il rifugio Tissi.


Tra leggeri sali scendi ai piedi delle pareti del Civetta, si raggiunge l'incrocio del sentiero (563) che conduce al rifugio Tissi. Qui si può scegliere se salire fino al rifugio Tissi (30 min. circa solo andata; 2257 m) lungo il sentiero 563, meta certamente consigliata per la particolarità del rifugio, posizionato su uno sperone di roccia a strapiombo sulla vallata di Alleghe.


Ritornati lungo lo stesso sentiero dopo essere saliti al rifugio Tissi, si continua lungo il sentiero 560 superando Casera Col Rean (1895 m) fino a raggiungere il rifugio Vazzoler (1720 m), dove è possibile visitare un bellissimo orto botanico che custodisce le differenti specie di piante delle Alpi, rigoglioso e ricco durante il periodo della fioritura.
Dopo il rifugio Vazzoler, non resta che recarsi a valle, scendendo lungo la sterrata fino a Capanna Trieste (1135 m) o a Listolade.


La traversata richiede una buona coordinazione dal punto di vista organizzativo: il punto di partenza non coincide infatti con il punto d'arrivo. Per ritornare al punto di partenza, è possibile ricorrere ai mezzi pubblici (vedi www.dolomitibus.it) oppure alla navetta Zoldobus che su richiesta porta la mattina presto fino alla Malga Pioda e riprende nel pomeriggio gli escursionisti a Capanna Trieste, riportandoli alla propria auto (info, costi e prenotazioni +39 348 6700786 o www.zoldobus.it). 

 

Info
Consorzio Val di Zoldo turismo
32012 Val di Zoldo - BL
Tel. +39 0437 789145
Tel. +39 0437 787349
turismo@valdizoldo.net