Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Val de le Ziolere
  • Difficoltà:
  • Lunghezza:
  • Tempo di precorrenza:
Quota:
Dislivello:
Terreno:
Gruppo Dolomitico:
Civetta
Partenza:
Palafavera 1514 m
Arrivo:
Val de le Ziolere 1800 m
Periodo consigliato:
Estate
Frequentazione:

La Val de le Ziolère si estende sotto il rifugio Sonino al Coldai, nel gruppo del monte Civetta, nelle Dolomiti di Zoldo. Questa falesia di dolomia a buchi, data l'esposizione, permette di arrampicare nelle calde giornate estive.


Punto di partenza ideale è la località di Palafavera (1514 m), che si trova dopo il paese di Pecol, poco prima di forcella Staulanza. Per raggiungere la falesia conviene salire con la seggiovia di Palafavera (aperta luglio e agosto) e dalla sommità dell'impianto scendere a piedi fino a Malga Pioda; si sale brevemente per il sentiero-mulattiera che porta al rifugio Coldai fino al primo tornante e da qui, oltrepassata la recinzione delle mucche, si traversa in quota in leggera salita verso sud, lungo una traccia non sempre evidente, che attraversa i pascoli. Si seguono gli ometti di sassi e raggiunto un colletto in salita, lungo una traccia ora più marcata, si arriva ad una radura con sorgente; poco oltre si imbocca un bel sentierino che, in lieve discesa tra i mughi, porta ai piedi della falesia. Dall'arrivo della seggiovia di Palafavera alla falesia della Val de le Ziolère si impiegano circa 40 minuti; per rientrare a Palafavera, una volta arrivati alla Malga Pioda per lo stesso percorso, si può risalire e prendere la seggiovia o scendere lungo la strada forestale (35 minuti circa dalla Malga).


Periodo consigliato
Il periodo migliore per arrampicare in Val de le Ziolère è quello estivo. Considerata la quota di 1800 m. circa e l'ombra a partire da metà mattina si arrampica perfettamente anche nelle giornate più calde. Gli strapiombi che sovrastano le vie consentono inoltre di arrampicare anche quando piove.


Esposizione
Nord-est, in estate il sole illumina la parete soltanto nelle prime ore del mattino. I prati alla base delle vie rimangono comunque al sole fino al pomeriggio inoltrato.


Roccia e arrampicata
La roccia è una dolomia di scogliera a buchi e scaglie, di ottima qualità. Se si esclude la placca centrale di roccia nera, dove le vie sono appoggiate e ben appigliate, l'arrampicata è atletica su parete quasi sempre strapiombante. Le vie hanno molti buchi e rovesci e l'arrampicata è spesso di non facile intuizione. Alla base della parete si trova un prospetto delle vie e difficoltà.


Attrezzatura
Tutti gli itinerari sono attrezzati con "spit" da dieci millim. e catene di sosta con moschettone di calata. Molte vie raggiungono il 30 m. di lunghezza, si consiglia pertanto una corda da almeno 60 m. e un set di 15-16 rinvii.


Breve storia
La scoperta e l’attrezzatura della falesia è merito del forte arrampicatore Stefano Ciprian che ancora nel 1997 ha iniziato i lavori per preparare un posto allenante per il periodo più caldo. Tra il 2001 e il 2002 la guida alpina Francesco Tremolada ha chiodato altri 10 itinerari più facili ampliando così le possibilità di questa bella falesia.


Punti di appoggio e informazioni:
Campeggio Palafavera tel. +39 0437 788506

 

Consultare sempre una Guida alpina locale per verificare lo stato delle vie.

 

Guide Alpine Val di Zoldo
Via M. Punta 2/b
32012 Val di Zoldo (BL)
Tel: +39 328 2170815 - +39 347 2990255
www.guidealpinevaldizoldo.it 
info@guidealpinevaldizoldo.it


Guide alpine Mountainfree
Tel: 340 37 88 018 Daniele Geremia (Guida Alpina)
info@mountainfree.net 
www.mountainfree.net 

Info
Consorzio Val di Zoldo turismo
32012 Val di Zoldo - BL
Tel. +39 0437 789145
Tel. +39 0437 787349
turismo@valdizoldo.net