Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Soffranco: il fascino del sublime

Il fascino del sublime, la bellezza e la forza che fa paura, perché incontrollabile e imprevedibile. Forse è proprio per questo che prendiamo e partiamo appositamente per andare a vedere le gole e i canyon che l’acqua impetuosa riesce a creare. Alcuni paesaggi lasciano veramente di stucco e valgono interamente il viaggio per la loro unicità, perché si trovano in luoghi selvaggi e sembrano  così distanti, inapprodabili per noi umani.

Posti come il Brent de l’Art in Valbelluna, una fisarmonica di roccia che si snoda come le pagine di un grande libro lungo l’incavo dove scorre placido il torrente.

Oppure come l’Orrido dell’Acquatona in Comelico, tanto impressionante quanto bello.
O ancora, tra i più famosi, i Serrai di Sottoguda, d'estate percorribili anche a bordo del caratteristico trenino.

Eh sì, i percorsi dell’acqua sembra attirino sempre l’interesse di numerose persone, accorse proprio a visitare il sublime, il bello e incredibile spettacolo della natura.

Anche la Val di Zoldo può vantare paesaggi di questo genere, uno nelle sue vicinanze, forse poco conosciuto, è la stretta valle che il torrente Maè ha scavato tra Mezzocanale e Soffranco.
Forse non ci si ferma spesso a osservare la profondità della gola, passando rapidamente con le nostre auto.

Tuttavia esiste una strada che nel suo tracciato può regalare diversi punti di vista di quello che i Romantici definirebbero “bello e terribile paesaggio”.

Sin dalla partenza a Mezzocanale, attraversando il piccolo ponte, se ne avrà un primo assaggio. Il canyon di roccia è tempestato di verdi foglie, che quasi aeree rimangono sospese e ciondolanti nel vuoto, mosse solo dall’alito che risale dall’abisso stesso.

Procedendo lungo la strada sterrata, riparata dagli alberi del bosco, si raggiunge in poco tempo il paese di Soffranco, frazione del Comune di Longarone, appoggiato sull’orlo della gola.

Passeggiando tra la piazzetta dove si trova la chiesa e i gruppetti di case, scoprirete gli altri paesaggi che lo rendono così particolare.

Lo spirito che lo pervade è di convivenza con il sublime, uno scambio equo di bellezza selvaggia e vitalità. Un piccolo borgo che vale proprio una gita.

 

Info
Consorzio Val di Zoldo turismo
32012 Val di Zoldo - BL
Tel. +39 0437 789145
Tel. +39 0437 787349
turismo@valdizoldo.net