Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Giro del Pelmo
Il giro del Pelmo… è difficile o non è difficile? Ce la faccio o non ce la faccio?

Il giro del Pelmo è una gita abbastanza faticosa e da non sottovalutare, richiede senza dubbio previsioni buone, diverse ore di luce e un buon allenamento.
E’ soggettivo in che senso è preferibile percorrerla, se in senso antiorario, lungo la panoramica e poi al rifugio Venezia, oppure orario, lasciandosi i faticosi ghiaioni all’inizio del giro.
Il punto più critico, che può impressionare, per la sua verticalità e per le meravigliose viste sull’Antelao e sulle valli del Cadore, si trova dopo la celeberrima forcella Val d’Arcia, tappa ambita dai corridori della Transpelmo, perché superata quella sanno che è il peggio è già passato.
 
Che sia in salita o in discesa lo spettacolo della forcella è emozionante, un portale per una nuova dimensione, un tuffo nella nebbia, se il tempo non è splendido, oppure nel blu, se splende il sole.
Da lontano chi si trova sulla forcella, sembra una piccola formichina che spicca sul bianco delle nuvole in movimento.
I paesaggi che prevalgono, sono ghiaioni, ricchi di fioriture di flora di montagna, pascoli verdi e roccia, soprattutto roccia, di colori variegati e inimmaginabili e di forme diverse.
 
La lunghezza del percorso è indicativamente di 6 ore, se si cammina di buona lena e in modo continuativo. Si consiglia di calcolarne un po’ di più in base al passo, e soprattutto, per prenderla con calma e potersi soffermare sui diversi paesaggi che il Pelmo offre.

La partenza per il giro classico è dal Passo Staulanza. Da lì si prosegue o immersi in un baranceto con magnifici scorci sul Civetta, o su ghiaioni, dove una sottile striscia di sentiero conduce poi all’ampio circo glaciale. Nel primo caso, si arriva al rifugio Venezia, nel secondo, si deve attraversare l’immensa conca di roccia, arrivare alla forcella e ridiscendere, facendo la massima attenzione.
 
Dunque… buttarsi o non buttarsi? Con le giuste informazioni, la giusta consapevolezza e preparazione avvicinati a questo paesaggio lunare e straordinario.
Info
Consorzio Val di Zoldo turismo
32012 Val di Zoldo - BL
Tel. +39 0437 789145
Tel. +39 0437 787349
turismo@valdizoldo.net