Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK

Val di Zoldo: bellezza porta bellezza

La bellezza delle Dolomiti talvolta si nasconde nel cuore della sua gente. E qualche volta esplode, si manifesta, diventa viva e si trasforma in un’opera d’arte. Alcuni dicono che quando si nasce e/o si cresce in un ambiente circondato dalla bellezza, sia più facile essere predisposti a creare e a produrre nuova, fresca bellezza. Basti pensare a quanti straordinari esempi abbiamo in Italia: il Bel Paese, terra di grandi artisti, da nord a sud. Ci piace pensare che non sia un caso quando talento e creatività trovano espressione in luoghi meravigliosi…. e succede anche tra Pelmo e Civetta.
 
Le Dolomiti sono custodi di veri e propri tesori che meritano di essere portati allo scoperto, per permettere a tutti di poterne fruire. Non è questa d’altronde un po’ la natura dell’arte? Bellezza porta ad altra bellezza.
Un esempio di ispirazione montanara? Eccolo: in Val di Zoldo si può sentir parlare di un maestro liutaio. Una personalità, per chi lo conosce, riservata, ma allo stesso tempo geniale. Ideatore e autore di strumenti musicali perfetti, di notevole bellezza, scultore, intagliatore e architetto. Un artista, de chi veri che no ‘n nas pì! (di quelli veri che non ne nascono più!). Immaginate la curiosità, la voglia di conoscere i lavori nati dalle mani di questa persona, decantati da tutti coloro che hanno avuto la fortuna di vederli. Immaginate adesso di poterli vedere, approfondire la loro storia, le tecniche che hanno portato alla loro ultimazione da parte dell’artista.
 
Un po’ di tempo fa c’è stata anche un’esposizione dal titolo “Note sulle ali di una farfalla“. La mostra proponeva alcuni esemplari inediti di strumenti musicali a corde creati dall’architetto Renzo Lazzarin, maestro liutaio originario di Bragarezza.
Mandole e mandolini principalmente, ma anche chitarre e altri strumenti, con intarsi unici e originali, in qualche caso composti anche da mille minuscoli pezzi. La farfalla del titolo richiama proprio il particolare di un mandolino, variegata, perfettamente simmetrica, come quelle create dalla natura.
 
La farfalla, delicata e leggera, sembra rappresentare la musica stessa, permettendo ai sensi di diventare una cosa sola: bellezza del suono e delle immagini…
bellezza che produce e celebra altra bellezza appunto!
 
 
[Foto di copertina: Giulio Mattiuzzi]
Info
Consorzio Val di Zoldo turismo
32012 Val di Zoldo - BL
Tel. +39 0437 789145
Tel. +39 0437 787349
turismo@valdizoldo.net